You Cheated!

You Cheated! Hai barato! È il titolo di una notecard che mi è arrivata da Jaron Bailey ieri mattina. Il peggio è che aveva tutte le ragioni, anche se mi sento di confessarlo senza arrossire. Per i motivi che cercherò di spiegare.

07e38cbf648031ed9f6c0fd9061776a4.jpg

La visita al castello di Mystique deve essere stata defatigante, per Belias, alle prese con ben tre guinzagli – uno dei quali, per giunta, terminava sul collare indisciplinatissimo di Backbuttoned Bian. Backbuttoned è un tipo abbastanza incontenibile: parla sempre, si agita di continuo, non smette mai di dibattersi e di esigere attenzione e l’unico modo di renderla inoffensiva è di bloccarla completamente, imbavagliarla, toglierle gli IM e magari anche le notecard e chuderla a doppia mandata in qualche luogo sicuro. Prima o poi ci vorrà qualcuno che le dia una bella ripassata, insegnandole come ci si comporta, anche perché un paio di giorni fa so che ha fatto una brutta litigata con Pony, creando un certo scompiglio a Our Wicked Dream. Mettiamoci anche che Mystique corre su e giù, ansiosa di mostrarci la sua proprietà, e non c’è poi da stupirsi se, quando avverto Belias che fra poco devo scollegarmi, lei non si preoccupa di riportarmi nella mia cella per mettermi al sicuro. Tanto più che il collare che porto stretto al collo contiene una piccola radiospia che consentirà sempre alla mia Signora di sapere dove mi trovo e in compagnia di chi sono – comunicandole inoltre tutto quello che attorno a me viene detto in chat pubblica.

Solo che poi, quando torno online la mattina dopo, Belias non si è ancora collegata e io mi trovo, ben legata dalle catene e dal collare, ancora nella proprietà di Mystique. Ricordando che porto il guinzaglio, non sto nemmeno a tentare un TP e resto a fare due chiacchiere con la mia vecchia amica. Parliamo un po’ di quello che non è stato: “Tu stai con lei“, mi dice Mystique sospirando, “e io sono sola“.  Le sorrido: “Mi spezza il cuore saperti sola, Mystique, ma lo so che non mi rapiresti“. Lei risponde: “Siamo entrambe troppo morali per poter essere insieme. Tu che non fuggi, io che non rubo.  Ma sai che ti amerò sempre“. Le anticipo che sto finalmente scrivendo il post sul suo periodo da Claven, e per un attimo si illumina. Ma è un istante, perché il suo umore oggi è malinconico: “Mi hanno abbandonata tutti. Se n’è andato Jaron, se n’è andata Maironi, se n’è andata Lydia. Non ho nessuno“. Beh, commento, chissà che leggendo il blog non capiti a Chamcook qualcuno alla ricerca di una Mistress che, quanto a sottomissione, non ha davvero più nulla da imparare (e mi sa che ho ragione: il giorno dopo scopro che Erikah è appena passata a trovarla!). Mystique annuisce: “Devo farmi qualche nuovo amico. Continuerò a desiderare di averti –  ma so che ti avrà sempre qualcun altro“.

Date le premesse, quando Mystique si scollega mi illudo di poter aspettare tranquillamente il ritorno online di Belias – l’unica, in quanto keyholder, che possa offrirmi un teletrasporto riportandomi a Our Wicked Dream. Invece, dopo un poco, mi contatta Jaron, che già qualche giorno fa aveva cercato di scrivermi quando ero bloccata. Scambiamo due parole e lui si mostra perplesso nel sapere che mi trovo, legata dalla mia Signora, a casa di Mystique – da quando lei l’ha lasciato lui è addirittura inconsolabile e pare anzi che abbia smesso la sua attività di dominatore, passando gran parte del suo tempo prigioniero della sua amica Psi Merlin, la padrona di Snark. Jaron mi conosce da tanto tempo e la cosa che sembra turbarlo di più è apprendere come io abbia, alla fine, ceduto volontariamente le mie chiavi a Belias. Non lo accetta. Non dalla Win combattiva che credeva di conoscere: “Ti suggerisco di darti da fare per liberarti mentre lei è offline e passare da 5 a 10 giorni lontana da lei. Myst mi diceva che questo l’aiutava a spezzare il legame“. Sogghigno: “Anche se volessi, come potrei farlo?  Mi ha acceso la spia nel collare e sente tutto quello che dico, mi ha chiuso addosso il Curfew (e credo che per quello non ci sia struggle che tenga) e mi ha fatto indossare una Cintura di Castità che non ho la minima idea di come affrontare“.

6ecaefe9fd0e5f9ea0b65aeaf226dfdb.jpgMa Jaron è testardo e decide intanto di vedere se riesce a portarmi via da casa di Mystique. “Ho il guinzaglio, non posso teleportarmi“, protesto. Lui risponde “Vediamo“, si dissolve e mi manda un invito al TP. Io accetto, sicura che non succederà nulla. E mi ritrovo a Snark, a oltre 700 metri di altezza, in quella skybox di legno che avevo già conosciuto qualche mese fa, quando Mystique gli apparteneva ancora. Senza una parola, Jaron mi spinge in un tubo di vetro, chiudendomici dentro: “È per il tuo bene“, dice con voce ferma, “e lo sai“. Sento lo scatto della porta dietro di me e mi volto a guardarlo, quest’uomo che per la seconda volta mi ha in suo potere… quest’uomo che rosica ancora per il modo in cui gli sono sfuggita l’ultima volta, quest’uomo che non si fa una ragione di essere stato lasciato da Mystique e sa quanto lei e io siamo legate. Vuole che io mi metta a lottare contro la roba che Belias mi ha fatto indossare: “Datti da fare per toglierti quella roba di dosso, dolce Win. È la tua occasione… forse. Passerai un po’ di giorni a smaltire la sbornia… e alla fine potresti anche riacquistare la libertà. Forse. O forse essere reclamata da qualcun altro, o donata a Myst, dipende“.

Mi sento perduta, confusa. Fino a pochi minuti fa non avrei toccato le mie catene. Ma ora sono sola in questa gabbia, lontana da Belias, con Jaron che vuole che me li tolga e che ha le chiavi. “Se fossi libera, in effetti…. andrei da Belias, penso… Io… lei si arrabbierebbe… ma…“. Esito, poi riprendo: “Immagino non ci sia nulla di male se provo a dare qualche colpetto alle catene…” La voce di Jaron è salda come un lucchetto: “Al momento lei non ha importanza. In qualche giorno comincerai a ricordare. E di giorni ne avrai tanti“. Non posso sottoscrivere parole del genere: “Oh, Jaron… non è vero che lei non ha importanza“. Ma lui prosegue: “La porta è chiusa a chiave, renderò i muri più spessi per evitare che possa barare e penetrare qui dentro“. Scuoto la testa: “Non barerà, Jaron“. Lui risponde: “Bene. Ma io sono pessimista di natura“.

Win: Se mi libero dalle catene… mi lascerai tornare da Belias?
Jaron Bailey: Forse sì, forse no. Potrei tenerti, potrei darti via, potrei perfino lasciarti libera dietro la promessa che resterai solo di te stessa.
Win: Oh, sarebbe una promessa che non potrei mantenere… Ho visto che non posso disobbedirle quando sono con lei… di fatto, sono arrivata al punto di non tentare più la fuga dalle manette, cosa che fra l’altro lei non mi avrebbe affatto proibito di fare
Win: Ma… beh… allora proverò… a fare qualche tentativo… adesso
Jaron Bailey: Bene. Lieto di vedere che pensi nella direzione giusta
Jaron Bailey: Alla fine ricorderai come eri prima… o subirai l’effetto Stoccolma con me… o qualcos’altro
Win: Ohhh… Spero che mi perdonerà per essere così debole
Jaron Bailey: Sarai tu a dover perdonare te stessa
Win: Sarei tornata nel suo dungeon se avessi saputo che potevo fare TP
Jaron Bailey: Considerati mia, finché non avrò deciso cosa fare di te.
Win: Devo dire che queste parole non mi aiutano molto, Jaron
Jaron Bailey sogghigna: Ti ci abituerai. Anche se non ti invidio per quello che dovrai dirle… non che lei possa effettivamente entrare qui senza teleportarsi attraverso i muri, o toccando le tue manette attraverso il vetro

Un segnale blu in basso a destra sul mio schermo. Il cuore che fa una capriola. Belias Rubble is Online. “Eccola“, mormoro. Jaron fa una smorfia: “Me ne andrò da qui e lascerò che tu parli con lei, allora“. Rispondo subito: “Le ho già mandato un IM“, ma la mia voce risuona nella stanza vuota. Jaron se n’è andato. Belias arriva subito dopo, accanto a me. In barba a muri, porte chiuse, tutto.

52566198b6ff9a0597edf41536c78d06.jpgArrossisco, cado in ginocchio. La gabbia soffoca la mia voce, ma riesco comunque a comunicare con lei, a raccontarle tutto. Lei è seccata, palesemente: “Non mi piace chi gioca con la roba altrui senza chiedere“, mi dice, e prosegue dicendo: “Sai bene che se mi chiedessi di essere libera… lo farei in un attimo“. Sorrido angosciata: “Lo so bene, Belias… talmente bene che te lo dico chiamandoti Belias e non Signora Belias“. Lei accenna a una carezza, poi scompare. E un attimo dopo ricevo da lei un invito al TP. Non ci penso un attimo, accetto e mi ritrovo in Our Wicked Dream, a casa. Con Belias. Ma anche con nello stomaco una sensazione che non mi piace.

Ma non faccio in tempo ad analizzarla, quella sensazione. Da Jaron, ovunque sia, mi arriva una notecard. Si intitola You Cheated. – Hai barato – e contiene una sola riga: “Che altro resta da dire?”.

Mi sento sprofondare. Belias, impegnata a rimettermi il guinzaglio, commenta “Mi spiace, ma con ciò che hai fatto hai perso una buona parte dei tuoi diritti. Ieri hai fatto il log off prima che ti potessi reingabbiare e oggi ti sei fatta catturare come una novellina. Non uscirai più da qui“. Ma Jaron mi ha già mandato una seconda notecard: “Devo ammettere che sono molto deluso da te. E la tua Mistress ha zero senso dello sport. Piagnucola e si arrabbia per qualcosa di assolutamente legittimo. Credevo davvero che tu fossi al di sopra di piccolezze del genere“. Oddio, quindi Belias e Jaron stanno discutendo in IM? Gli rispondo, affannosamente.

> “Hai barato”
> Che altro resta da dire?

Vero.

Non avrei mai dovuto teletrasportarmi fuori dalla gabbia. Ma non potevo rifiutare un TP da Belias. Mi spiace.

Credevo davvero che avrebbe risolto tutto questo in roleplay, ma era veramente alterata e ha detto che non le piace chi gioca con la roba degli altri. Le ho detto che tu avevi ancora qualche diritto su di me da quella volta che Mystique mi aveva fatta catturare da te, e credevo che fosse disposta ad accettare la cosa. Poi mi ha offerto un TP.

Non potevo rifiutarlo. Non sarebbe stato giusto nei suoi confronti.

> E la tua Mistress ha zero senso dello sport
> Piagnucola e si arrabbia per qualcosa di assolutamente legittimo

Ti sta scrivendo? Non ne ero al corrente… mi spiace… mi sento molto legata a lei… ma mi piacerebbe tanto sapere cosa ti sta dicendo, se ancora ti importa qualcosa di farmelo sapere…

074de2cf3ed3552c0d73a6dc63934eae.jpg Intanto Belias mi ha rimesso tutti i guinzagli ed è pronta a rimettermi il bavaglio. Ma io devo dire quello che penso. Perché io so di averglielo detto per tempo, ieri, che mi sarei dovuta scollegare, proprio perché immaginavo che avrebbe potuto volermi riportare nella cella per sicurezza: “Win si rende conto… per questo aveva avvertito che se ne sarebbe dovuta andare via presto… ma c’era casino e lag e Win capisce che non abbia avuto il tempo di rinchiuderla“. Lo so, sto cercando di darle almeno una parte della colpa, e mi sento malissimo per questo. E lei lo sente, credo.

Belias Rubble: mi hai delusa winth, davvero
Belias Rubble: mi hai costretta a farti cheattare – e farlo fare anke a me
Win: Jaron ha appena scritta la stessa cosa. Ma tecnicamente… beh… OOC…
Belias Rubble: si?
Win: In effetti forse avrei dovuto non accettare il TP dalla gabbia… Jaron dice che una cosa del genere potrebbe farti bannare – anche se dice che essendo un amico non mi denuncia, ovviamente
Win: Avrei dovuto obbedire a Jaron fino a quando non fossi riuscita a tornare da te. Ma avevo troppa paura di ferirti
Belias Rubble le carezza il viso
Win: Ma come roleplay, beh… ero sola, legata, fuori da questo dungeon… Credo che Jaron avesse diritto di fare quello che ha fatto, ecco
Belias Rubble: a volte dimentico come sei da quel punto di vista
You: Certo, era rubare… oh, mi ha scritto ancora

4354edd1f65b8b0241615d01d953d53d.jpg Già. Un’altra notecard da Jaron. Al vetriolo:

Ho cancellato quello che mi ha scritto. Essenzialmente si lagnava del furto di proprietà e rifiuta di credere che la sua proprietà possa essere rubata, o anche allontanarsi da sola, anche se lei non è nei paraggi e non l’ha messa al sicuro.

E tu POTEVI rifiutare il TP. È ESPRESSAMENTE contrario alle regole di Stonehaven e del roleplay… questo lo SAI. Hai infranto una regola che potrebbe farti bandire se un guardiano lo scoprisse! Naturalmente non andrei mai a ridirlo, perché tu sei un’amica, ma è una questione di principio.

Quando io ti ho tippata la cosa era legittima. Avresti potuto camminare o prendere qualsiasi altro mezzo di trasporto per muoverti da dove ti trovavi. Una volta nella gabbia, comunque, ERI confinata e infrangere quel confinamento con un TP è stata una violazione enorme del roleplay.

Il fatto che la tua Mistress mi abbia prima ammannito una tirata lamentosa, seguita dal commento presuntuoso e gongolante che ‘Il Coprifuoco è più forte’ (sebbene il TP fuori dalle gabbie qui sia vietato, cosa che l’ha fatta star zitta) mi irrita sul serio. Io stavo aiutandoti, e mi becco tutto questo. Almeno, con l’incidente di Myst avevi trovato una via di uscita legittima… questa non è proprio accettabile.

Belias mi sorride, io rialzo lo sguardo e non riesco a ricambiare: “Mi sta masticando viva… e ha ragione

Steel Collar 1.14 (spine) whispers: Belias Rubble allows WinthorpeFoghorn Zinnemann IMs
Belias Rubble: puoi rispondergli per IM
Win: …e se mi lasciassi tornare la’? Lo sai che tornerei appena avessi finito… appena fossi riuscita a liberarmi…

Belias non esita un secondo. Sento i guinzagli che cadono tutti a terra, uno dopo l’altro.

Belias Rubble: puoi tornare da lui
Belias Rubble: ti lascio gli IM sblocati, andhe se credo che la gabbia liblocchi
WinthorpeFoghorn Zinnemann china la testa, poi la rialza…
Win: Signora… grazie… vorrei lasciarle qualcosa di importante, prima… Qualcosa che non – che pensavo di darle solo se l’avesse chiesta

Gliela faccio scivolare in mano. È la mia Real Key.

d1c7941889f9bf1d7d9bebc6ae060be8.jpg7d2e67c0dccde03ab3b7e331283e3c27.jpg5d77fddd1372a6bc7e420d226e9573f2.jpg

Belias Rubble: thank you win
Belias Rubble: dammi un bacio
Belias Rubble: non ho bisogno della tua real key. sei gia nel mio cuore
Win: Lo… lo so… ma… ma è importante per me che tu sappia che – beh, la RealKey tu ce l’hai… hai quella ancora piu’ reale di quella RR… e lo sai
Belias Rubble sorride a winth: ho la consolazione di averti fatt cheattare. non molti l’hanno
Win: Vero… alla fine sei riuscita a farmelo fare… e nel modo opposto a quello che credevi quando mi tenevi a Vlla BDSM
Belias Rubble: carissima, ad essere onesta quelle parole le avevo dette per tenerti legata
Belias Rubble: sapevo che dopo averle dette non avresi mai usato un cheat
Win: Quasi non ci credo… in una settimana… prima mi hai fatto cedere le chiavi, poi barare
Belias Rubble: sei mia piccolina, anke se meno di quanto vorrei
Win: …ma più di quanto avrei mai creduto, Belias

Di nuovo in IM. Con Jaron.

[2008/07/07 0:26]  Win: Ne ho discusso con Belias. Sono pronta a tornare se tu sei disposto a fingere che gli ultimi 10 minutes non siano mai accaduti
[2008/07/07 0:27]  Jaron Bailey: Nessun problema. Sono felice che tu torni e felice che lei abbia cambiato idea. Ha davvero un controllo forte su di te… barare è contro la tua natura.
[2008/07/07 0:27]  Jaron Bailey: Anche se, mi ha davvero sconcertato che sia arrivata a forzarti ad andare contro questa natura
[2008/07/07 0:27]  WinthorpeFoghorn Zinnemann: È soddisfatta di essere riuscita a farmelo fare. Credo che questo le abbia dimostrato qualcosa di importante
[2008/07/07 0:27]  WinthorpeFoghorn Zinnemann: Ti prego, dammi un minuto per salutarla.
[2008/07/07 0:28]  Jaron Bailey assentisce.

Mi giro di nuovo verso Belias.

Win: Ciao, Padrona, ti voglio bene
Belias Rubble le carezza il viso
Belias Rubble: ank’io mi voglio bene
Belias Rubble ridacchia
Belias Rubble: ma voglio bene anke alla mia camerira
Belias Rubble: dai adesso vai
Belias Rubble: altrimenti…
Belias Rubble: cambio idea
WinthorpeFoghorn Zinnemann sorride tristemente. Poi manda un IM a Jaron.

[2008/07/07 0:35]  WinthorpeFoghorn Zinnemann: Posso venire quando vuoi.

Pochi istanti. Poi, in alto sul mio schermo si accende la finestrina blu del TP.


(Prossimamente: Sotto vetro)

You Cheated!ultima modifica: 2008-07-09T02:15:00+00:00da winthorpe
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento